Vincenzo Strino

Comunicazione Digitale

Perché odiamo i manifesti elettorali?

Perché odiamo i manifesti elettorali?

Ok, lo ammetto: io detesto i cartelloni e i manifesti elettorali.

Ho lavorato su una decina di campagne elettorali: politiche, regionali, europee e per le comunali. In ogni campagna, c’è una cosa che inevitabilmente ha portato via più tempo ed energia di qualsiasi altra cosa: i manifesti.

Persino i candidati esperti che conoscono meglio di tutti certe dinamiche del marketing politico, finiscono sempre per sprecare il loro tempo sui cartelloni e sui manifesti. È una cosa che si verifica sempre: una volta che gli avversari iniziano a mettere i cartelloni, i candidati e i loro volontari non vogliono concentrarsi su nient’altro.

Dobbiamo fare belle foto per i manifesti, o è meglio se non ci mettiamo la faccia all’inizio?

Il tempo prezioso che potrebbe essere speso per gli sforzi per fare voti in strada è invece sprecato nel cercare di trovare le posizioni migliori per i classici 6 per 3. Il denaro che potrebbe essere utilizzato per una buona campagna sul web con un target ben definito, viene gettato via per i cartelloni, i manifesti ed altri gadget quasi sempre inutili. Gli incontri della campagna che dovrebbero essere incentrati su un’organizzazione efficace, vengono sprecati discutendo su quanti cartelloni hanno gli avversari e dove li stanno mettendo.

In una città limitrofa a quella in cui vivo io, alcuni anni fa, ricordo che un candidato al consiglio comunale si vantava della quantità industriale di santini stampati per la sua campagna. In effetti aveva ragione: si trattava di circa un milione di santini, centinaia di suoi manifesti e dozzine di 6 per 3 erano sparsi in giro in città. Lui e i suoi volontari passarono la maggior parte della campagna elettorale nel concentrarsi sulla ricerca di posizioni migliori per i manifesti e sulle strategie su come coprire quelli dei suoi avversari.

Facile indovinare il finale di questa storia: il candidato non fu eletto e, alla fine, erano più i santini che gli erano rimasti a casa che i voti che aveva preso. Era completamente sconcertato da questa scoperta.

La realtà, tuttavia, è che certi politici di vecchio corso vincerebbero le loro elezioni anche se facessero stampare cento santini. Il problema però è che questo è l’unico modo in cui l’hanno sempre fatto, quindi continueranno ad affrontare le campagne elettorali così. Di conseguenza, i nuovi candidati hanno l’impressione che la prima e l’ultima cosa su cui dovrebbero concentrarsi siano i segnali dei cantieri.

Uno dei miei consigli preferiti sui manifesti proviene da un consigliere della mia città che non ha mai perso una elezione comunale dal 1993, nonostante abbia cambiato diverse volte schieramento.

Ci sono solo due ragioni per cui è necessario attaccare i manifesti – mi disse una volta – Uno è incoraggiare i tuoi sostenitori e l’altro è spaventare i tuoi avversari

in Gennaio 27, 2018

#Instagram

  • Waiting for fellona di carna arrustuta 🍖🔥
.
.
#ferragosto #agosto #steak #barbecue #holiday
  • Dopo quasi un anno di lavoro per @palazzo_chigi e di inevitabile trasferimento a #roma avevo preso le ferie.
Lavorando coi social, l'obiettivo era quello di staccare un po' dal portatile, dai tool per le analisi dei dati, dal pacchetto Adobe per la parte creativa ecc. 
Qualcuno però ha deciso che il governo non gli piaceva e quindi rieccomi di nuovo qui, in trincea a pianificare la storia di un paese senza alcuna memoria.
La violenza più grande però è leggere cose su cui istintivamente vorrei intervenire a gamba tesa come Roy Keane, litigare di gusto come il miglior Nanni Moretti, e invece niente. Mi tocca indossare una maglia per espletare un pensiero, manco fossi un adulto che si crede giovane al festival del giornalismo di Perugia.
Ninetta mia ci vuole coraggio, non si stava meglio quando si stava peggio 🦏
.
.
#social
#reality
#me 
#picoftheday
#ininfluencer
  • Senza filtro e senza inganno 🌊
.
.
#mondello #palermo #sicilia #sicily #holiday
  • In estate è consigliabile mangiare tanta frutta, per questo a pranzo ho preso un'arancina 🍊
.
.
#palermo #sicilia #sicily #food #streetfood #summer
  • Vedo arrivare le ferie! 🥺
.
.
#holiday #me #picoftheday
  • Way to Blue .
.
#sky #rome
  • Lazy sunday afternoon in Rome 😴 ☀️
.
.
#roma #roma🇮🇹 #igersroma #rome #italy #italy🇮🇹 #visitrome #photooftheday #photography📷 #photo #sundaymood #sunday #lazysunday #sunday
  • Questa foto non è di particolare bellezza, ma ha un significato storico per me e quindi sento di condividerla con chi vorrà perdere un po' di tempo a leggere.
In pratica negli ultimi mesi ho passato una situazione particolarmente non semplice e le persone che mi vogliono davvero bene sono venute fuori nel modo più prepotente e bello possibile.
La scena che vedete riguarda la penultima sfida dell'associazione di cui sono fondatore. È una sfida ENORME che negli ultimi mesi non mi ha permesso di godere a pieno di altre piccole/grandi soddisfazioni personali perché mi ha portato via un sacco di energie.
Ho passato molte notti a pensare come esprimere al meglio tutto quello che avevo in testa e, grazie all'aiuto di una persona a cui devo tanto (pure se forse nemmeno immagina quanto), stamattina è cominciata la prima fase di questa sfida che annuncerò tra pochissimo.
Voi accomodatevi, perché sta per cominciare lo spettacolo.
Nell'attesa guardo questa foto e GODO ❤️
  • Cacare in testa a Giulio Cesare come obiettivo nella vita 🕊️
.
.
#me #roma #rome #italia #italy #story #foriimperiali #funny #goals
  • Andreotti diceva che la gratitudine è il sentimento della vigilia, ma stasera ho imparato che meno di un anno dopo i bombardamenti alleati su San Lorenzo (descritti da una famosa canzone di De Gregori), gli abitanti del mio condominio decisero di costruire questo altarino per ringraziare la Madonna di aver salvato il palazzo, uno dei pochi ad essere stato risparmiato dalle bombe.
E pure se è non la vigilia di niente, io sono grato ai miei condomini che mi hanno accolto come se fossi qui da sempre .
.
#roma #rome #me #june #gratitude #beautiful #roma🇮🇹 #sanlorenzo #love #picoftheday
  • Quant'uocchie scunusciut
che 'na vota c'erano frat.
E Nun dicimm niente,
ma che parlamm' a fa'? (Epo - Nun ce guardammo arete)
.
.
#instanapoli #napolitain #home #napolilove #napolitan #me #napoli #naples #napolidavivere #napoli_foto #napolipix #napolinstagram #napoligram #napolimia
  • Sono nato e cresciuto in via cupa dell'arco a Secondigliano.
I miei amici di infanzia sono morti o sono in galera.
Conosco la camorra e, proprio per questo, non ho mai avuto paura di sfidarla.
Perché non si tratta di un fatto solamente culturale, ma anche politico. Le mafie esistono lì dove non esiste lo Stato.
Esserci signfica dare dignità al territorio, creare opportunità di lavoro, generare bellezza e sostenere la comunità: tutte cose che provo a fare da anni con il @larsecgram.
Con il video di #opportunity (andate sul loro profilo qui su Ig o su Facebook) si dichiara ufficialmente guerra alla camorra con la creazione di una grande comunità fatta da ragazze e ragazzi che non hanno paura di sfidare il male a viso aperto.
Conosco personalmente tanti dei protagonisti di quel video e so per certo che, come me, anche loro hanno sempre dato l'anima per la città di #napoli

Seguimi!