Vincenzo Strino

Comunicazione Digitale

Google investe sui monopattini elettrici

Google investe sui monopattini elettrici

Il settore della mobilità urbana è in fermento e continua ad attrarre investimenti. Anche da soggetti nati per fare tutt’altro, come Google. Alphabet, la casa madre della grande G, ha infatti investito in una società che offre un servizio di monopattini elettrici.

Prima di andare avanti occorre subito aprire una parentesi su questo settore. I monopattini elettrici sono esplosi negli ultimi anni soprattutto in alcune città degli Stati Uniti. Come fenomeno, e come quantità di investimenti nelle società che offrono servizi legati a questo veicolo. La California e San Francisco sono stati l’epicentro di questa rivoluzione a due ruote, che ha prodotto anche proteste e rigetti. L’idea è la seguente: per spostarsi in città si usano dei monopattini elettrici, attraverso una app che li localizza e li sblocca di volta in volta, pagando pochi centesimi a minuto. E poi si lasciano dove ci si trova.

Su questa idea – che ha anche una variante con bici elettriche – sono nate una serie di startup: Bird, Skip, Spin, Lime. Alcune, come Jump Bike, sono già state acquisite da Uber. Già, perché Uber, il servizio di trasporto auto privato, e il suo rivale Lyft stanno guardando con attenzione a questo settore, vedendoci delle possibili minacce, ma anche delle integrazioni, al proprio business. E non sono gli unici.

Infatti anche Google è entrato nel ramo comprandosi il servizio di monopattini elettrici Lime – ha riferito il Financial Times – all’interno di un round di finanziamenti di 300 milioni di dollari che coinvolge anche Google Ventures, il suo stesso braccio dedicato a investimenti di venture capital. Lime è una azienda americana che offre un servizio di monopattini elettrici e di bici elettriche che si possono affittare con una app, e ora è valutata intorno a 1,1 miliardi di dollari. Partita dalle città statunitensi, è sbarcata da poco in Europa: Berlino, Brema, Francoforte, Zurigo e da pochi giorni anche Parigi.

La sua rivale principale è Bird, fondata da un ex dirigente Uber, che ha raccolto 300 milioni di dollari di investimenti da pezzi forti del venture capital come Sequoia e Accel. Pure Bird sta già guardando al Vecchio Continente. Ma Lime è in competizione anche con Uber e Lyft proprio per ottenere un permesso per gestire un servizio di monopattini a San Francisco.

Insomma la partita è complessa e questo tipo di mobilità sta suscitando molta attenzione. Il punto di forza – ma anche di attrito – consiste nel fare a meno di tradizionali servizi con stazioni di ricarica. II veicolo viene bloccato e sbloccato via app dall’utente e lasciato in giro. In questo modo non è più necessario trovarsi in prossimità di una stazione apposita per prenderlo e consegnarlo. Ma questa stessa modalità ha anche prodotto le prime rimostranze da parte di cittadini che si ritenevano invasi da monopattini abbandonati ovunque, o infastiditi da un loro utilizzo poco opportuno, ad esempio sul marciapiede. La protesta contro l’industria tech e contro questo genere di mobilità si è saldata qualche settimana fa a San Francisco, quando un gruppo di manifestanti ha fermato i bus di Google, cioè le navette per i dipendenti della multinazionale, accatastando monopattini elettrici lungo la via. Tuttavia questi veicoli sono anche visti come un sistema economico ed efficiente di coprire l’ultimo miglio nel trasporto cittadino, per percorsi troppo lunghi da fare a piedi e troppo corti per mobilitare una vettura.

Tornando al doppio investimento di Alphabet, va detto che questo riflette anche il crescente interesse del colosso americano verso il ramo dei trasporti, e il desiderio di iniziare a muoversi oltre il proprio core business rappresentato da internet e pubblicità. Del resto in quest’ottica si inserisce la scommessa sulle auto senza pilota rappresentata da Waymo, una sussidiaria di Alphabet, in prima fila nello sviluppo di soluzioni per la guida autonoma. Ma anche la ricerca di forme di mobilità urbana alternativa a quelle attuali, come rappresentato dalla startup, Sidewalk Labs, sempre controllata da Alphabet.

in agosto 10, 2018

#Instagram

  • Udine è la mia città italiana ideale: librerie ovunque, si gira in bicicletta, l'aperitivo economico e il vino di qualità 🍷
Ma sono napoletano e, come ogni persona nata in quella città, mi porto il mare dentro che me ne fa sentire sempre la mancanza 🌊
•
#friuli #igersitalia #quote #bellaitalia #udine #italia #celine
  • I'm traveling from coast to coast
My theory isn't perfect, but it's close
I'm almost there, why should I care?
•
#sea #holiday #me #happy #italy #happyness #green #greenwater
  • Non sono mai stato così tanto tempo in spiaggia, ma da quando vedo le cose con nuovi occhi (cioè quelli della mia fotocamera), tutto mi sembra interessante e da raccontare 📷 ❤️
•
#summer #estate #colorful #sea #holiday #photography #photo
  • La prima foto scattata con la mia prima reflex. Come ogni estate, da qualche anno a questa parte, sto sfruttando le ferie per studiare. Quest'anno ho scelto di dedicarmi alla fotografia e all'uso di Photoshop.
Insomma, com'è venuta?
🏖️
•
#canon #canonphotography #photography #photo #summer #sea #italy #blue #colorful #red
  • Fare bene, fare meglio 🎈
Mi piace davvero tanto questa foto di @raffaellarferre perché descrive bene quello che avevamo in mente da anni per il nostro quartiere.
Ogni tanto me la vado a guardare e penso che quella piazza dovrebbe essere sempre così bella e viva.
A settembre continueremo a fare bene, ma proveremo a farlo meglio.
Perché la bellezza salverà il mondo, ormai ne abbiamo la prova ❤️🔧
•
#napoli #secondigliano
#secondiglianoregna #naples #napoles #neapel #italia #italy
  • How to fight the hot weather
🌲 🍃🌊⛰️
•
#holiday #summer #sannio #italy #italia #lake #breeze
  • Jorit è libero da qualche ora.
Lo hanno annunciato la Farnesina ed il sindaco di Quarto alle 18.30.
Probabilmente verrà espulso da Israele per sempre, ma per ora possiamo considerare la sua liberazione come una ottima notizia ✌️
•
#joritagoch #jorit #streetart #israel #bethlehem #westbank
  • Perché le cose passano e l'amore invece resta. Mi piace quel momento alla fine della festa, quando tutti se ne vanno e la musica si abbassa e per terra vetri rotti e carta straccia. E mi guardo un po' intorno, mentre fuori esce il giorno e tu mi vieni in mente...e non ho più paura di niente 🎈
•
La foto è di @raffaellarferre 
Il testo è di @lorenzojova •
#napoli #larsec #love #party #secondigliano #me
  • Quando abbiamo trovato questa frase ci siamo resi conto che racchiudeva benissimo chi siamo stati in questi primi quattro anni e come abbiamo portato avanti il nostro Laboratorio di Riscossa Secondiglianese: non come chi vince sempre, ma come chi non si arrende mai.
Auguri a noi! 🎈
•
#larsec #secondigliano #secondiglianoregna #napoli
  • Non è Atene ma Caivano , in provincia di Napoli, cuore di quella che da anni viene chiamata "Terra dei Fuochi". Il fumo nero è visibile da tutta l'area della città metropolitana e anche a diversi km di distanza si respira la puzza di bruciato. Cosa abbiamo fatto per meritarci questo?
•
#atene #napoli #caivano #terradeifuochi #stopbiocidio #nature #fire #clouds
  • Felicità caprese ❤️
(La foto è di @ciropellegrino )
•
#capri
#sunset #wedding #happy #love #sun #sea #us #noi #TFLers #tweegram #photooftheday #amazing #smile #follow4follow #like4like #look #instalike #igers #picoftheday #instadaily #instafollow #followme #instagood #bestoftheday #instacool #follow
  • Au revoir, Paris! 🗼🇫🇷
•
#paris #parigi #france #igersparis #travel #traveling #TFLers #vacation #visiting #instatravel #instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtravel

Seguimi!