Vincenzo Strino

Comunicazione Digitale

Facebook per giornalisti – Attenzione alle testate locali

Facebook per giornalisti – Attenzione alle testate locali

Che la dichiarazione di guerra di Mark Zuckerberg contro le fake news fosse serissima si era capito dal lancio del progetto Facebook Journalism Project a gennaio scorso.

Da allora si è aperto un dialogo sul modo in cui le testate utilizzano le soluzioni Facebook e su quali miglioramenti si sarebbero potuti apportare per rispondere meglio alle esigenze degli editori, locali e mainstream.

Il team del progetto sul giornalismo si è seduto al tavolo con migliaia di editori ed ha cominciato un percorso d’ascolto che prova a far sì che il giornalismo si evolva in modo non unilaterale. Ci sono un bel po’ di novità interessanti con altre in arrivo, soprattutto per la sicurezza dei giornalisti, che proverò a descrivere meglio in altri post nei prossimi giorni. Qui riporto quelle che per me sono le maggiori novità, con alcune (+++) che ho segnato per i tanti colleghi delle testate locali.

Miglioramenti di Instant Articles

Prima di parlare delle sue migliorie, è giusto ricordare sinteticamente di cosa si parla quando si tratta di Instant Articles: è il modo più semplice e veloce – ma soprattutto interattivo – di leggere contenuti di tipo editoriale all’interno della app di Facebook, senza dover aspettare i tempi di caricamento della pagina del browser. Il tempo di caricamento è assai più veloce e permette di evitare che si aprano pagine e banner (spesso inutili e dannosi).

Più di 10.000 testate nel mondo utilizzano Instant Articles, con una crescita di oltre il 25% soltanto negli ultimi sei mesi. Facebook ha introdotto alcuni aggiornamenti per gli Instant Articles partendo dai preziosi feedback raccolti grazie al confronto con i partner, tra questi:

  • Bottone Call to Action per portare gli utenti a registrarsi attraverso email e Like alle Pagine degli editori in ottica di incoraggiare la fedeltà del lettore, la sperimentazione di una Prova Gratuite e l’installazione dell’app mobile. Grazie al bottone Call to Action su Instant Articles risulta che nell’ultimo anno sono avvenute più di 2 milioni di registrazioni tramite email , con un tasso di crescita di più di 25000 al giorno tra tutti gli editori presenti su Instant Articles.
  • La capacità di supportare la pubblicazione simultanea su Google AMP (Accelerated Mobile Pages) e, presto, su Apple News attraverso l’SDK (kit per lo sviluppo software) di Instant Articles.
  • Migliori opportunità per monetizzare le inserzioni pubblicitarie grazie a maggiore flessibilità.
  • Nuove inserzioni pubblicitarie nella sezione Articoli Correlati delle storie.

Abbonamenti negli Instant Articles 

Come per ogni nuovo prodotto, si è ancora in fase di prova ma i feedback ricevuti fino ad oggi sono abbastanza incoraggianti: il team di Facebook sta lavorando a un strumento per supportare gli abbonamenti all’interno degli Instant Articles pur sapendo che non esiste un modello di abbonamento valido per tutti. Se si riuscisse a superare questo argine, si creerebbe inesorabilmente una nuova ed importantissima fonte di guadagno per l’editoria locale e nazionale.

+++ Pubblicità nei video +++

Facebook ha anche  annunciato che  tutti gli editori abilitati ora possono guadagnare attraverso i video pubblicitari in-stream all’interno dei propri siti web e sulle proprie app tramite Audience Network. Negli Stati Uniti sono iniziati i test per  gli  Ad Break nei video on-demand su Facebook, ora si sta espandendo il test a nove paesi, che saranno attivi entro prima metà dell’anno prossimo.

+++ Rights Manager +++

Una delle cose che ritengo più importanti tra le tante novità annunciate in questi mesi è il miglioramento del Rights Manager, lo strumento che può aiutare gli editori a gestire e proteggere i loro video su Facebook. Rights Manager è ora più semplice da utilizzare e permette di fissare delle regole che permettono di sapere se è stato pubblicato un video uguale al nostro da qualche altra testata concorrente.

+++ Notizie locali +++

Oltre il lavoro costante contro le fake news, Facebook dedica molta attenzione alle edizioni locali delle testate sapendo che il flusso maggiore di articoli proviene proprio da lì. Tre le novità principali: la prima è quella che permetterà agli amministratori di gruppi che discutono regolarmente di notizie locali, di aggiungere una unità apposita per discutere delle notizie locali.

La seconda è quella del badge “local” che permetterà agli utenti di rendere pubblica la città in cui vivono non appena commenteranno le notizie dei giornali e dei giornalisti locali.

La terza mostrerà all’utente che sta leggendo una notizia locale, un’unità che lo incoraggia a condividerlo nei gruppi locali dove è già presente.

Definizione di “gruppo locale”: un gruppo nel quale sono stati condivisi almeno 3 articoli di giornalisti locali negli ultimi 28 giorni e che si trova nella stessa area dei giornalisti di cui sopra.

[N.B. È evidente che Facebook stia basando la propria strategia sui gruppi ristretti e che anche in futuro potrebbero esserci novità a riguardo]

 

 

 

in Luglio 26, 2017

#Instagram

  • Way to Blue .
.
#sky #rome
  • Lazy sunday afternoon in Rome 😴 ☀️
.
.
#roma #roma🇮🇹 #igersroma #rome #italy #italy🇮🇹 #visitrome #photooftheday #photography📷 #photo #sundaymood #sunday #lazysunday #sunday
  • Questa foto non è di particolare bellezza, ma ha un significato storico per me e quindi sento di condividerla con chi vorrà perdere un po' di tempo a leggere.
In pratica negli ultimi mesi ho passato una situazione particolarmente non semplice e le persone che mi vogliono davvero bene sono venute fuori nel modo più prepotente e bello possibile.
La scena che vedete riguarda la penultima sfida dell'associazione di cui sono fondatore. È una sfida ENORME che negli ultimi mesi non mi ha permesso di godere a pieno di altre piccole/grandi soddisfazioni personali perché mi ha portato via un sacco di energie.
Ho passato molte notti a pensare come esprimere al meglio tutto quello che avevo in testa e, grazie all'aiuto di una persona a cui devo tanto (pure se forse nemmeno immagina quanto), stamattina è cominciata la prima fase di questa sfida che annuncerò tra pochissimo.
Voi accomodatevi, perché sta per cominciare lo spettacolo.
Nell'attesa guardo questa foto e GODO ❤️
  • Cacare in testa a Giulio Cesare come obiettivo nella vita 🕊️
.
.
#me #roma #rome #italia #italy #story #foriimperiali #funny #goals
  • Andreotti diceva che la gratitudine è il sentimento della vigilia, ma stasera ho imparato che meno di un anno dopo i bombardamenti alleati su San Lorenzo (descritti da una famosa canzone di De Gregori), gli abitanti del mio condominio decisero di costruire questo altarino per ringraziare la Madonna di aver salvato il palazzo, uno dei pochi ad essere stato risparmiato dalle bombe.
E pure se è non la vigilia di niente, io sono grato ai miei condomini che mi hanno accolto come se fossi qui da sempre .
.
#roma #rome #me #june #gratitude #beautiful #roma🇮🇹 #sanlorenzo #love #picoftheday
  • Quant'uocchie scunusciut
che 'na vota c'erano frat.
E Nun dicimm niente,
ma che parlamm' a fa'? (Epo - Nun ce guardammo arete)
.
.
#instanapoli #napolitain #home #napolilove #napolitan #me #napoli #naples #napolidavivere #napoli_foto #napolipix #napolinstagram #napoligram #napolimia
  • Sono nato e cresciuto in via cupa dell'arco a Secondigliano.
I miei amici di infanzia sono morti o sono in galera.
Conosco la camorra e, proprio per questo, non ho mai avuto paura di sfidarla.
Perché non si tratta di un fatto solamente culturale, ma anche politico. Le mafie esistono lì dove non esiste lo Stato.
Esserci signfica dare dignità al territorio, creare opportunità di lavoro, generare bellezza e sostenere la comunità: tutte cose che provo a fare da anni con il @larsecgram.
Con il video di #opportunity (andate sul loro profilo qui su Ig o su Facebook) si dichiara ufficialmente guerra alla camorra con la creazione di una grande comunità fatta da ragazze e ragazzi che non hanno paura di sfidare il male a viso aperto.
Conosco personalmente tanti dei protagonisti di quel video e so per certo che, come me, anche loro hanno sempre dato l'anima per la città di #napoli
  • Oggi è successa una cosa bellissima ed ho deciso di festeggiarla così.
Sempre fuori tempo, sempre al massimo dei volumi e quindi senza dinamiche o sfumature.
In pratica suono come sono
  • Strawberry Rome Forever 🍓
(avevo fame)
  • Criticare l'attuale algoritmo di Instagram davanti ai responsabili nazionali di #Instagram e #Facebook: fatto ✔️
Se mi bannano sapete perché. Questa foto di @humansoftukulti sarà l'unica testimonianza 😂
  • Ho visto che c'era il sole ed ho pensato di andare al mare 🌊☀️
.
.
#sunday #sun #sea #sundaymood #domenica #italia #spring #primavera #seaside #beach #beachwaves #sky #blue
  • In questi giorni si parla tanto di giovani. Non so se si tratti di una strategia politica o altro, ma posso dire che quando sono con loro mi illumino (e questa foto lo dimostra) 💡
.
.
#photographylovers #photographers #photograpy #photomodel #photography📷 #photographie #photogrid #larsec #photographers_of_india #photogenic #napoli #photoshoot #photobooth #photoshop #photography #photo #photographer #photograph #photooftheday #photos #photolove #photographylover #secondigliano #photobook #photographyart #photoftheday #photog #photoshooting  #me

Seguimi!