Vincenzo Strino

Comunicazione Digitale

Auroville, la città senza denaro, governo e religione

Auroville, la città senza denaro, governo e religione

La città è un caso unico al Mondo. É stata riconosciuta patrimonio dell’umanità dall’Unesco, si basa sulla proprietà collettiva ed è energicamente autosufficiente. Ad oggi ha più di 2.852 abitanti provenienti da 56 nazioni diverse, di cui 2.155 adulti (1.080 uomini e 1.075 donne) e 697 bambini. Anche se vi sembrerà incredibile, denaro potere e religione qui non solo non contano, ma non hanno valore.

Detta la “città dell’unità umana” è stata fondata da Mirra Alfassa, ma l’idea è di un filosofo indiano, Sri Aurobindo, che nei suoi libri immaginava una società in cui tutti potessero vivere in armonia, senza divisioni basate su nazionalità, credo politico o religioso.

Così il 28 febbraio 1968, uomini di 124 nazioni si sono incontrati su un altopiano della costa meridionale dello Stato indiano di Tamil Nadu. Ognuno aveva con se una una manciata di terra dalla propria nazione. Così è stata fondata Auroville.

Il luogo scelto era un deserto di sabbia rossa. Fu scelto di proposito. Dal nulla, da dove non può nascere niente, è nata la città ideale. Oggi Auroville è divisa in 4 zone: industriale, internazionale, culturale e residenziale. É circondata da foreste (nel corso degli anni sono stati piantati ben 2 milioni di alberi), quella che oggi è chiamata la “green belt” (cintura verde) e la vita nella città è regolata da principi lontanissimi da quelli a cui siamo abituati.

La proprietà infatti è collettiva, ciò che viene realizzato dai suoi abitanti non può essere venduto e qualsiasi attività è basata sul volontariato. Ogni cittadino è tenuto a lavorare almeno 5 ore al giorno per sostenere la comunità, ma non esiste una precisa divisione delle mansioni. Auroville è completamente autosufficiente a livello energetico, si basa sull’agricoltura biologica e si dà molta importanza al riciclaggio.

Tutte le scuole sono gratuite e senza voti.

Ad Auroville non esiste una religione ufficiale: ogni cittadino è libero di professare il proprio credo o non farlo affatto. Nessuno viene giudicato. L’unica forma di governo è costituita dal Consiglio di Auroville e dai Comitati di lavoro. Viene eletto ogni 4 anni, ma si occupano delle questioni amministrative più importanti. Nell’Assemblea dei residenti, invece, tutti possono esprimere il proprio parere o avanzare delle proposte.

Vivere qui adesso non è così semplice, ci sono troppe richieste e cosi bisogna passare per un processo di ammissione abbastanza complesso. Per prima cosa, è necessario un periodo di volontariato nella comunità, a cui fa seguito un anno di prova in cui il candidato non può lasciare l’India e deve provvedere da solo alle proprie spese. Poi si vedrà.

Durante questo periodo è possibile lasciare l’India solo per gravi motivi. In questo caso il periodo di prova viene prolungato a 12 mesi.

Questo sistema è inoltre utile a far capire all’individuo se davvero è pronto ad un cambio cosi grande. In ogni caso chiunque può andar via quando vuole. La città non ha mura e confini invalicabili.

Ad oggi è finanziata dall’Unesco, dalla Comunità europea, dal governo indiano e dalle donazione private. I soldi sono gestiti dalla collettività e divisi equamente per sostenere le imprese locali e la società nel suo complesso.

Forse è l’unica città ad avere uno scopo comune dichiarato: l’intenzione di cambiare il proprio scopo nella vita”

Ad Auroville non si lavora per produrre profitto ma per generare benessere a vantaggio della collettività. L’aspirazione più alta dei suoi abitanti è raggiungere il proprio equilibrio interiore, lavorare su se stessi, emanciparsi dalle logiche che regolano la vita “al di fuori”.

Ma non immaginate una vita tradizionale, la città è mossa da un mix di utopia e innovazione tecnologica. Pensatela più come un esperimento sociale ben riuscito.

Le attività che si svolgono sono varie e tutti possono fare quello che vogliono (no non c’è nessuno che rimane sul divano a non fare nulla). Le gente è impegnata a lavorare la terra, a produrre energia rinnovabile, nell’educazione, assistenza sanitaria, assistenza sociale nei villaggi limitrofi, costruzione, commercio elettronico, amministrazione e attività artistiche. Secondo il principio di “servizio alla comunità”, tutti sono volontari e ricevono mensilmente una sorta di sussidio in rupie per provvedere alle proprie necessità.

Se si vuole di più si può attingere alle proprie risorse personali.

Ovviamente c’è ancora molto da fare. Per esempio siamo ancora lontani dalla autosufficienza alimentare, ad oggi la comunità è autosufficiente per il latte e alcuni tipi di frutta e riesce a produrre il 50% della domanda di riso, grano e vegetali.

Vi lasciamo con una curiosità che può far capire meglio il clima che si respira ad Auroville. Infatti nella città ci sono dinamiche relazionali e sociali completamente diverse da quelle a cui siamo abituati. Se qualcuno che non conosci ti chiede “come stai”, non lo fa per cortesia, ma proprio per sapere cosa provi e perché vuole conoscerti e capire chi sei. Così gli racconti il tuo stato d’animo, l’entusiasmo e le angosce che provi, quello che vorresti fare, i tuoi progetti e altro ancora.

La vita in una città del genere è completamente diversa da quella a cui siamo abituati, ma c’è da dire che sembra strano sentir parlare di un luogo in cui i contatti e le relazioni che sei capace di instaurare contano più del denaro. Ad oggi rimane un esperimento sociale ancora in corso, dove sussistono tante e gravi contraddizioni, ma dove si spera nasca un tipo di Mondo migliore.

Riflettiamoci.

in agosto 9, 2018

#Instagram

  • 🎈 COME IN UN FILM 🎈
In Sudafrica un trentenne ha percorso 25km in volo trasportato da centinaia di palloncini stando su una sedia da campeggio.
La traversata è stata ispirata dal film "Up!" in cui un vecchietto fa volare la propria casa verso il luogo in cui lui e sua moglie sognavano di andare a vivere.
Quello che non si dice del film però è che la scena più bella è all'inizio, in quei 4.28 minuti in cui si racconta la storia d'amore tra Carl ed Ellie. Se avete voglia di piangere, su YouTube la trovate come "Up - Married Life" e dentro c'è tutto: dai sogni da raggiungere un passo alla volta ai problemi che una coppia può affrontare nell'arco di una vita.
Io l'ho appena rivista ed ora non riesco a scrivere perché ho gli occhi pieni di lacrime. Mannaggia agli avventurieri sudafricani! 😪
.
#up #baloons🎈 #balloons #southafrica #fly #disney #pixar #dream #dreams #adventure #photography #photoofday #photooftheday #photo #travelgram #bestoftheday #photogram #southafrican
  • Sorriso sornione e cominciamo bene il #lunedi
•
•
.
.
#photograph #me #photographer #work #photo #photographylovers #portraitphotography #photogram #photoshoot #canonphotography #monday #strino #trabajo #travelphotography #smile #photos #photography #photooftheday #photogrid #photoshop #boy #mobilephotography
  • Ultimamente in treno ho fatto una playlist delle canzoni che mi ricordano questo periodo dell'anno fatto di rincorse, sfide da vincere, slanci e sbarchi sulla luna 🌙 🚀
L'ho chiamata "La strada verso casa" perché è il tipo di musica da fine giornata, quando ti stropicci gli occhi prima di mettere a posto i pensieri ed escludere il mondo fuori dalle cuffie.
Il link è nella bio del mio profilo ✌️
•
•
.
.
#blackandwhitephotography #photogram #me #photograph #portraitphotography #canonphotography  #photographylovers😘 #photoofday #photooftheday #photoshop #photographer #photos #travelphotography #photography #photo #photoshoot #photogrid #instaphoto #throwback #music
#musica #love
  • A Berlino hanno recuperato la camera ardente di un cimitero e ne hanno fatto un bar.
Ora io lo so che a qualcuno potrà sembrare una cosa irrispettosa e fuori da ogni regola, ma Berlino è la città dell'impossibile, tanto quanto Napoli ed è forse questa l'unica cosa che lega le due città, visto che, quando si parla di cimiteri napoletani, lo stato di degrado è talmente grande che sarebbe meglio ripristinarne il servizio di base prima di pensare a farne altro.
Il bar si chiama "21 gramm", cioè quello che alcuni sostengono sia il peso dell'anima e, visto il contesto in cui è sorto, mi sembra un nome geniale ed azzeccatissimo. 
P.s. Se qualcuno di voi si trova da quelle parti, mi faccia sapere se ci va. Io l'ho segnato tra i posti da provare la prossima volta che tornerò in città
•
•
.
.
#berlin #travel #travelpic #traveladdict #travels #berlinlove #berliner #berlingram #berlin🇩🇪 #diestadtberlin #travelers #berline #travelblog #streetartberlin #berlino #berlinbreeze #travelgram #berlinpage #berlincity #traveldiary #berlinfood #berlinstagram #berlinstyle #iloveberlin #berlinstreetart #berlinlife
  • Questa estate nel mio palazzo si è deciso di togliere tutte le piante a causa di un parassita.
Mi ero opposto allo sradicamento della 🌹 rosa che piantò mia nonna quando nacqui e che in 32 anni era diventata più di 5 metri.
Qualche settimana fa mi ha chiamato mia madre per dirmi che nello stesso punto, ad inizio autunno, era spuntata una nuova rosa che cresceva giorno dopo giorno.
Ora, io non voglio farla più lunga del solito, ma sono convinto che ci siano legami che niente e nessuno può sradicare. Né il tempo, né il veleno e neanche qualche parassita come la morte.
Mia nonna ed io abbiamo vissuto insieme per 21 anni, cioè fino a quando si è spenta 11 anni fa, ma io so che quella rosa è il suo modo per dirmi che, proprio ora che avrei bisogno della sua mano sulla mia testa, lei c'è in tutta la sua bellezza ❤️
•
•
.
.
#photography #photogrid #photos #naturephotography #photographer #photo #photoshoot #nature #photogram #rose #urban #nature_good #canonphotography #strino #grandma #family #urbannature #napoli #instaphoto #napolinstagram #photographylovers #photooftheday #filmphotography #streetphotography #photographyeveryday #photograph
  • C'è un detto che dice: "quanno o mare è calmo, ogni strunzo è marenaro". Significa che, quando le cose vanno bene, chiunque si sente capace o qualificato a dire la propria su un argomento. 
Ieri a Napoli c'è stata una mezza tempesta ed un ragazzo ha perso la vita.
A me è caduta qualche scheggia in testa, ma anche se dopo 3 ore in auto, sono comunque arrivato a casa sano e salvo.
Nel 2018 si rischia di non tornare a casa per cose del genere e tutto ciò è assurdo oltre che atroce.
Questo per dire che si dovrebbe ricominciare a parlare solo quando si sanno davvero le cose e che, magari, davanti a situazioni difficili, è meglio restare in silenzio per comprendere ed evitare ulteriori errori.
•
•
.
.
#napoli #forzanapolisempre #napoli_da #sky #napolinelcuore #napolipix #napolinstagram #sea #photooftheday #instanapoli #strino #napoliplus #photoday #napolimia #napolidavivere #napoliproject #napoli❤️ #napolistreet #forzanapoli #photographie #napoli_foto #igersnapoli #napolitano #napolitana #napoliphotoproject
  • Oggi pomeriggio me ne sono andato in giro come facevo un tempo quando ero pensieroso e la strada di notte sembrava l'unica a capirmi (sembra una cosa poetica, ma non lo è affatto).
Ho lasciato che fosse l'auto a portarmi in giro mentre provavo a rendermi conto della mia vita nuova, delle ultime due settimane vissute in apnea, delle prospettive che cambiano all'improvviso, degli obiettivi che ti sembrano sempre lontanissimi e che poi, ad un tratto, puff!, eccoli davanti al tuo naso.
Avevo bisogno di ritrovarmi come fa Forrest Gump ad un certo punto del film, solo che sono pigro e quindi, invece di correre, prendo l'auto e viaggio 🚗
•
•
.
.
#strino #instaphoto #streetphotography #naturephotography #photo #photographylovers #mobilephotography #portraitphotography #canonphotography #photogram #filmphotography #canoneos1300d #landscapephotography #architecturephotography #sky #photos #photoshoot #roadtrip #italy #photographer #travelphotography #photoshop #photogrid #photography #photooftheday #photograph
  • Perché torni a casa nel weekend?
(Ecco la risposta a questa e a tante altre domande) ❤️😍
•
•
.
.
#instalove #baby #photooftheday #loveislove #lovely #napoli #me #mylove #party #loveit #naples #love #lovehim #lovelife #igersnapoli #lovemylife #strino #truelove #larsec #babyboy #loveofmylife
  • 😒
Scusate, devo liberare la memoria del cellulare e non so dove metterla.
Comunque questa è la faccia di quando dico di NO ma non posso dirlo esplicitamente.
•
•
.
.
#photographer #mobilephotography #photograph #streetphotography #memories #photoshoot #vsco #photogrid #photographylovers #instaphoto #photo #fashionphotography  #photography #work #me #photooftheday #photogram #canonphotography #portraitphotography #photos #strino #outfit #classy
  • Vorrei scrivere qualcosa sullo stile, della ricerca che comporta e di quanto sia gratificante quando te ne attribuiscono uno in cui ti riconosci e che ti piace, ma non ho i soldi di chi può permettersi questi discorsi e quindi mi tocca ammettere che mi sento un gentleman solo quando rubo le cravatte a mio padre (imparagonabili rispetto alle cinesate che compro su Asos).
•
•
.
.
#style #menstyle #styleblogger #stylediaries #styleoftheday #stylegram  #styleblog #igstyle #styleinspiration #fashionstyle #casualstyle #bloggerstyle #styles #instastyle #man #strino #neckties #necktie #outfitoftheday #outfit #outfitinspiration #outfitideas
  • 🍁 Quando arriveranno i primi freddi guarderò questa foto e ricorderò la sudata fatta per raggiungere il posto in cui è stata scattata. Perché le cose belle richiedono sempre fatica 💪
🏰 Il castello di Hohenshwangau 🏰
A 3 km precisi da Neuschwanstein c'è il castello al centro di questa foto e che fu costruito qualche anno prima rispetto all'altro come residenza estiva dei reali di Baviera.
•
•
.
.
#autumnweather #autumncolours  #autumn🍁 #autumn #castle #germany #munich #bavaria #lake #viaggio #travel #holiday #strino #memories #makingmemories #visitbavaria #hohenschwangau
  • 🏰 Biancaneve, Cenerentola, La Bella Addormentata, Rapunzel: se guardando questo cartoni ti sei accorto che il castello è sempre lo stesso è perché quel castello esiste davvero ed è un omaggio alla musica di Richard Wagner.
Ha un nome impronunciabile che in italiano viene tipo: "rocca del cigno nero" ed io era un bel po' che desideravo fotografarlo da questa prospettiva (che si raggiunge percorrendo un ponte sospeso alle spalle del suo ingresso) 🏰
•
•
.
.
#munichgermany #travel #travelpic #munich #instamunich #traveladdict #travelers #travelblog #travelphoto
#munich_germany #munichandthemountains #igersmunich #munichworld #travelgram #munichlove #munichstagram #visitmunich #disney #germany #travelphotography #munich🇩🇪 #travelawesome #munichlife #travellife
#castle
#neuschwansteincastle

Seguimi!